acqua addolcita sicura da bere
Salute

L’acqua addolcita, sicura e buona da bere

L’acqua addolcita, conosciuta anche come acqua decalcificata, è un prodotto che viene spesso definito pericoloso per la salute.

Tuttavia, non è affatto così, anzi: bere acqua addolcita non provoca alcun danno al nostro organismo, ma apporta invece alcuni benefici che si possono estendere anche agli elettrodomestici e alle tubature del rubinetto o della doccia.

Vediamo nel dettaglio come mai l’acqua addolcita si può bere e tutti i vantaggi legati all’installazione di un addolcitore.

Come si ottiene l’acqua addolcita

Addolcire acqua potabile significa privare il liquido di alcuni sali minerali come il magnesio e il calcio rimpiazzandoli con il sodio. In questo modo si ottiene la cosiddetta acqua dolce, che ha una minore tendenza a formare depositi di calcare nelle tubature.

Questo processo è possibile grazie all’addolcitore d’acqua, un dispositivo da installare nella rete di tubature che filtra i liquidi per modificarne la composizione chimica. Al contrario, l’acqua con eccessivo magnesio e calcio viene definita dura, e può creare dei depositi calcarei che si accumulano sui rubinetti, sulla doccetta della vasca e sugli oggetti lavati in lavastoviglie o in lavatrice.

Bere l’acqua addolcita è pericoloso?

L’acqua addolcita potabile è spesso oggetto di numerose polemiche. Secondo alcuni consumatori, questa tipologia di liquido non farebbe bene all’organismo per l’eccesso di sodio, ma in realtà questa convinzione è errata. Il sodio utilizzato per rimpiazzare magnesio e calcio, infatti, non è abbastanza da superare i valori massimi stabiliti dalla legislazione europea sulle acque potabili, quindi non ha alcun effetto negativo sull’organismo umano.

L’addolcimento acqua potabile, insomma non è affatto un processo che può potenzialmente danneggiare chi beve l’acqua del rubinetto, anche in caso di assunzione di molti litri di liquido. Anzi, il sodio ha diversi benefici sia sugli organi che su pelle, unghie e capelli.

I benefici del sodio e dell’acqua addolcita

Grazie alla presenza del sodio, l’acqua dolce è particolarmente indicata per chi desidera contrastare l’azione del calcare nella vita di tutti i giorni. Anche se di solito si ricorre ai prodotti appositi, per esempio i detergenti anticalcare, non tutti sanno che a volte basta modificare la composizione dell’acqua di casa per risolvere alla radice il problema.

Al di là del calcare superficiale, infatti, le tubature di rubinetti, docce e lavatrici sono di solito otturate dai depositi interni, che a lungo andare possono portare anche a veri e propri guasti che accorciano la vita degli elettrodomestici.

Per quanto riguarda la salute, l’acqua addolcita presenta questi vantaggi:

Allevia i dolori muscolari

Più sodio significa più sali minerali per i propri muscoli. Questo aiuta a renderli meno vulnerabili ad attacchi come crampi o stiramenti, dando sollievo anche nel caso di reumatismi. L’azione benefica del sodio si sente soprattutto durante l’attività fisica, quando con il sudore si perdono diverse sostanze minerali che vanno immediatamente reintegrate: con l’acqua addolcita è possibile fare ciò semplicemente bevendo qualche sorso.

Aiuta la concentrazione

Il sodio è una sostanza che non va integrata solo nei muscoli, ma anche nel sistema nervoso. I sali minerali, infatti, sono particolarmente indicati anche per chi ha difficoltà a concentrarsi, magari per lo studio o per il lavoro. Assumendo acqua potabile dolce è possibile ottenere benefici per quanto riguarda la capacità di focalizzarsi in campo accademico o lavorativo.

Migliora la pelle e i capelli

L’acqua dolce non fa bene solo dall’interno, ma anche all’esterno. Per esempio lavarsi con acqua addolcita è un toccasana per l’epidermide, che non viene otturata dal calcare, e per i capelli, che non vengono appesantiti ma risultano anzi leggeri, soffici e più facilmente districabili. Insomma, chi ha a cuore la propria salute e ama regalarsi lunghe dolce rilassanti può trovare nell’addolcimento dell’acqua un nuovo rituale di benessere da regalarsi ogni giorno.

Meno calcare, più vantaggi

I benefici dell’acqua dolce sono vari anche per quanto riguarda la salute e l’efficienza degli elettrodomestici. Meno sono presenti depositi di calcare, meglio funzionano tubature e meccanismi di lavastoviglie e lavatrice.

Nel primo caso, le stoviglie verranno pulite con più efficienza e non presenteranno, una volta asciutte, le classiche “macchie” di calcare, molto antiestetiche.

Nel secondo caso, invece, è possibile ottenere un bucato più morbido e pulito, senza dover ricorrere alla pulizia periodica dell’apparecchio spendendo di più per prodotti speciali o simili.

In ultimo, l’acqua dolce è ideale anche per chi non vuole più trovarsi con scarichi poco efficienti: il calcare gioca un grande ruolo in questo ambito, e va contrastato alla radice.

Insomma, l’acqua del rubinetto, se correttamente trattata, può diventare veramente una sostanza di grande utilità, e può migliorare la vita di chi la consuma quotidianamente.

Non solo: bevendo direttamente l’acqua potabile di casa è possibile abbandonare la plastica e le bottigliette, responsabili di una gran parte dell’inquinamento della terra e degli oceani, facendo del bene al proprio corpo e all’ecosistema allo stesso tempo!

Condividi con noi!

Similar Posts